Home

notizie

Come comunicare la cultura online: una guida pratica

È ora disponibile in ebook il vademecum Comunicare la cultura online: una guida pratica per i musei, scaricabile liberamente qui e prodotto dal progetto #svegliamuseo. Si parla di come fare per attirare un pubblico, attraverso i social network, nei musei, ma è applicabile in qualunque ambito…

Messaggerie + Feltrinelli: l’unione fa la forza… di chi?

Pochi giorni fa è giunta la notizia di un’alleanza tra il Gruppo Messaggerie e il Gruppo Feltrinelli nel comparto della distribuzione dei libri. La scelta delle parole usate per annunciarla ci ha fatto riflettere e abbiamo cercato di esplorarne il significato rivolgendo alcune domande ai diretti interessati e ad altri soggetti della filiera editoriale inevitabilmente coinvolti

Il diritto di privacy sulle tue abitudini di lettura

La lettura, da sempre considerata come momento privato, con l’avvento del digitale ha subito non pochi cambiamenti anche per quanto concerne la riservatezza degli utenti. Infatti, aziende quali Amazon, Apple o Google (solo per citarne alcune) sono ora in grado di raccogliere ed elaborare, tramite siti internet, device e applicazioni, una grandissima quantità di dati personali.

Il diritto di essere informato sui diritti dei lavoratori dell’editoria digitale

Partiamo con una domanda che forse suonerà provocatoria: può il lettore contribuire attraverso le proprie scelte all’affermarsi di una pratica virtuosa dell’editoria che abbia ricadute positive sulla filiera del libro, intesa come produzione di qualità e rapporti equi con le figure professionali coinvolte?

Il diritto di leggere ebook in modo ecosostenibile

Molti pensano che essere lettori di ebook significhi intrinsecamente essere ecocompatibili poiché non si abbattono alberi. Purtroppo non solo carta e inchiostro hanno un impatto ambientale. Anche la lettura digitale lo ha, sia che si usi un dispositivo generico, come un tablet, un computer o uno smartphone – utile dunque anche in molte altre attività – o che si utilizzi un ereader, dispositivo specifico per leggere ebook.

Il diritto di leggere gli ebook in biblioteca

Tutti sappiamo che le biblioteche prestano libri di carta ma ancora in pochi sappiamo che le biblioteche (circa 2.500 in Italia, già il 90% negli Stati Uniti) prestano ebook. In genere si tratta di un processo molto semplice. Bisogna chiedere alla propria biblioteca di riferimento le credenziali di accesso a un portale dedicato…

Il diritto di condividere gli ebook

Esiste un diritto alla condivisione di ebook? La risposta è (come sempre): dipende. Credo sia sacrosanto il diritto di poter mandare a un amico una mail con allegato un ebook, mentre cosa diversa è condividere la propria collezione di migliaia di ebook attraverso le reti di file sharing…

Il diritto di proprietà sugli ebook

Lo sguardo analitico del giurista è abituato a individuare nel classico libro di carta due beni distinti. Il primo, l’opera letteraria in quanto tale, è un bene immateriale che, in ossequio a una tradizione filosofica secolare, gli studiosi del diritto d’autore definiscono “corpus mysticum”.

Il diritto di riflettere insieme agli altri su quello che leggi

Il social reading è una cosa bellissima, di cui ultimamente parlano in molti e che allo stesso tempo in qualche modo non esiste. Social reading è anche un’espressione bruttissima, secondo me: forse perché dirlo in inglese serve a mettere l’accento su una specificità tecnologica che invece probabilmente non conta poi così tanto.

Il diritto a un libraio quando compri ebook

Serve ancora il libraio quando si vendono ebook? Sì, anche se le sue competenze si devono aggiornare e andare incontro alle tante nuove domande che hanno in serbo per lui i lettori digitali. E a saper rispondere dovrebbero essere non solo le librerie che vendono ebook – cioè oggi, in Italia, quasi esclusivamente quelle online – ma anche i librai “tradizionali”…

leggi tutte le notizie →