sul lavoro

Anche i datori di lavoro dell'editoria sono invisibili?

EditoriaInvisibile, recente indagine sulle condizioni dei lavoratori dell’editoria, è un fedele specchio, purtroppo, del destino che viene prospettato a chi intenda votarsi alle professioni editoriali. Proviamo a scoprire fino a che punto questo destino sia inevitabile guardando in filigrana, attraverso i risultati della ricerca, cosa sembrano metterci del loro gli editori per peggiorare la situazione.

Ichino, Caio, Sempronio, Bersani e Di Domenico

E se Chiara Di Domenico non avesse fatto nomi? Qualcuno avrebbe fatto il suo? Probabilmente no. E allora sia reso merito alla precaria dell’editoria che durante un seminario del PD, a Roma, ha dimostrato di saper svolgere bene il suo lavoro da ufficio stampa procurando un riflettore alle notizie che le vengono affidate…

Precarietà del lavoro editoriale: scotto da pagare o stortura del sistema?

Precarietà del lavoro editoriale: scotto da pagare o stortura del sistema?C’è un filo conduttore che ha tenuto insieme alcuni eventi e presentazioni che si sono svolti al Festivaletteratura di Mantova. Questo filo conduttore è il precariato. Durante il festival lo abbiamo tenuto ben stretto tra indice e pollice e alla fine abbiamo creato una matassa fatta di numeri, statistiche, domande e risposte. Ora è giunto il momento di sbrogliare il tutto. >>>