“Ora chiamo Angela e glielo dico” di Nadia Terranova

Ora chiamo Angela e glielo dico, ’sta cosa qua che m’ha proposto a me proprio nun me ne po’ frega’ de meno. Lei era tanto contenta, porella, tutta entusiasta, ’nnamo famo occupamo, ma a me proprio di sta cosa, tutti insieme, ma poi tutti chi?, no… a me nun me ne frega gnente. Ora la chiamo e glielo dico, oh io stasera ho da fare, poi cosa vuol dire che occupiamo, ma occupamo che? stamo lì tutto il tempo, a occupa’ un posto che dice non è di nessuno, ma poi che ne sai, e poi noooo…  arriva la polizia, sai gli scazzi, nooo, stai lì a fa’ che, a tene’ il cartellino, timbrare, come si dice, ma che sei il guardiano de ’n posto che nun è manco casa tua, poi je devi fa’ la guardia tutto il giorno, tutti i giorni, no no gnente, ora la chiamo e glielo dico, guarda Angiole’, bello bellissimo superlativo ma con me hai sbagliato popo razza, a me di ’ste cose sociali, no guarda con me ’ste cose sociali non funzionano, lottamo per un mondo migliore, maddechè, ma tu veramente fai? ma che te pensi che ’sto monno aspettava a te? e si nun ce so’ riusciti pe’ millenovecentoottantanni a migliorallo che te credi che arrivi te e fai il botto? Dice ci sono gli anziani pe’ strada, ma gli anziani quelli vonno sta’ pe’ strada, sulle panchine, quello è il mestiere loro, da che monno è monno, sta’ sulle panchine a guarda’ i cazzi dell’artri, a loro quello je piace fa’. Glielo devo proprio di’, ’a Angela, io te vojo bene però m’hai rotto un po’ il cazzo co’ ’sta mania de migliora’ tutto, tanto fa tutto schifo uguale, o voi capi’? Schifo, schifo, schifo, e si te ’mpegni fa schifo de più, e più te ’mpegni e più fa schifo, perché ce metti la rabbia che te sei ’mpegnata e non è cambiato gnente, allora che te ’mpegni a fa’? Tanto vale che te ne stai a casetta tua, bella, che non rompi il cazzo alla gente, all’amici tua pe’ primi, che chi te l’ha detto che ce vonno venì, vedi… e nun parlo solo de me, che io ancora ancora so’ corruttibile, che poi se me dici du’ parole io poi sai come so’ fatto: me convinco, no io so’ l’ultimo pensiero tuo ma dico… pure all’artri sconosciuti je vai a di’ come devono vive, a quelli vecchi poi, quelli che te credi che non lo sanno come vonno vive, che te pensi che aspettano a te? eh Angiole’? ’Spetta che te chiamo e te lo dico. ’Spetta che prima rispondo a mi’ madre de sopra che me sta a chiama’ da ’n’ora. Seeee. Seee sto a arriva’. Seee. Ho capito! Ho capito ma’! Mo’ vengo!
Oh e che rottura de palle. Vedi Angiole’? Io mo’ te chiamo e te lo dico, vedi mi’ madre, prenni lei per esempio. Che te credi, che a mi’ madre io je posso di’ gnente, come deve fa, come se deve comporta’, ’ndo ha da anna’? ma che sei matta? Io nun je posso di’ gnente, perché quella da mo’ che ha deciso, quella se piazza alla finestra, tutti i santi giorni, tutti i giorni, e je piace de sta’ a guardà la gente che passa, dice come se sotto a finestra je passa tutta la vita sua, che da quanno è morto mi’ padre fa così, e da quanno mi’ fratello s’è ’nguaiato co’ quella storia che sai… quella che sai pure te, Angiole’, che sei ’na brava cristiana, dai che li sai ’n po’ de cazzi mia, vedi che ’o sai, e allora se ’o sai come stamo messi, perché me rompi er cazzo proprio a me che nun t’ho fatto gnente, tu ’o sai che stamo come stamo pe’ colpa de mi’ fratello che s’è messo ’st’idea ’n testa che dice che se vo’ fa’ i sordi e che ce risolve tutto, quello come a te sta messo, che vo’ fa’ tutto lui, che vo’ migliora’, ma che te migliori? Ma ’ndo annate? E ’sti sordi chi l’ha visti mai? Io so solo che s’è magnato tutto e che se non je bado se magna pure i soldi mia, e già ’npo’ se l’è magnati, e tu lo sai, che la notte quello va a gioca’ e chi se lo riprende più, dice ’sto pokerino… Ma lascia sta’ Angiole’, dai lasciame sta’…
Arivo! Arivo a ma’! e nun piagne, dai. Oh ma senti questa… tutto il giorno se sta a piagne ’sto figlio, e ’sto marito che se n’è annato, che poi dico io pure quanno c’era nun è che se sentiva, ma senti a questa che se sta da sola tutto il giorno a rincojonisse… E quella me dice ’nnamo, occupamo… No io mo’ la chiamo e glielo dico, Angioletta bella tu me devi fa’ ’n favore, tu a me e ’a famiglia mia ce devi proprio molla’, perché noi nun è che stamo nella merda, de più, e mo’ questo me devi ricorda’, che io nun ho tempo manco de campa’ e che mi’ madre se sbatte ’a testa ar muro tutto il giorno, che pe’ nun se sbatte la testa ar muro se mette alla finestra e guarda de sotto, e speramo che nun lo guardi troppo, de sotto, che se ce casca so’ cazzi mia, e io poi che ce faccio? Eh? Ché, poi ce resto io co’ quella chiavica de mi’ fratello? E dici che non succede? E che ne sai? Quella poi se sente sola tutto il giorno…
A ma’!! T’ho detto che arivo, arivo.
Ora, un momento, prima salgo da mi’ madre e poi te lo dico. Prima salgo de sopra e poi te chiamo e te ’o dico, che co’ ’sto centro pe’ ll’anziani soli… Ma poi dico, pure se ’o voi fa’, ’sto centro pe’ ll’anziani, ma poi come ce li portamo ’sti anziani de ’llà? Perché tu dici che ce vengono? Cioè secondo te, Angiole’, mettiamo che tu hai ragione, perché ’ste cose belle che dici, che magari uno ch’è anziano a sta’ da solo je piagne er core, certo un poco è vero che magari se sta ’ncompagnia nun è che non je piagne uguale però magari je piagne de meno, allora mettiamo che noi pensiamo che er monno è più giusto così, io poi a mi’ madre che je dico? Scòllate da quella finestra che te porto a piagne coll’artri? Eh? Eh sì, tu dici che ce viene? Che po’ esse che ce viene? Mah.
’Nmomento ma’! E ho capito, ho capito. Sto ariva’, ’nmomento che devo fa na telefonata importante.
E che ne sa questa, che mica jelo posso di’, a ma’ devo chiama’ n’amica mia che dice che siete più felici se ve portamo da ’na parte e… che ne so, com’è che diceva? Che magari giocano a bocce, o a carte, e pure che nun fanno gnente magari nun fanno gnente tutti insieme. Mah. Ma ci avrà ragione Angela? No dico magari… Magari a nun fa’ gnente pe’ nun fa’ gnente, magari se divertono di più da ’na parte ’nsieme. Che poi famme pensa’, che c’era ’nquel posto prima?
A ma’, t’ho detto che arivo e arivo!
Che poi magari, se stanno tutti insieme, magari se raccontano pure ’npo’ de cazzi loro. Che poi mi’ madre co’ sta fissa che solo lei ci ha i figli che nun servono, che poi magari in fondo pure mi’ fratello è ’nbravo ragazzo, mo’ perché s’è preso la fissa del pokerino però nun è che fa gnente de male, porello, certo i sordi nun bisogna lasciarglieli pe’ casa, però a parte quello… Mica è come il figlio di quell’artra de sotto, che se droga, o come quell’artro che nun  vo’ lavora’… Lui ce va a lavora’, certo o stipendio poi è come se non ce ll’ha però… Magari se poi mi’ madre se confronta… perché pure lei, e tutto ’lgiorno a staje addosso, povero fratello mio…
E poi ’sto numero de Angela nun lo trovo. Quann’è che m’ha detto? Che se vedemo alle otto? E vabbè. Magari vado a vede’. Che se poi davero davero ce vanno ’ntanti… Tanto poi ad annammene faccio sempre in tempo, che nun è che proprio proprio ce credo davero. Tanto a torna’ qua poi non è ch’è cambiato gnente. E invece ad anna’ là dici che cambia? Mah. Dici?
Dici che s’ha da anna’?
E ’nnamo.
A ma’, arrivo. Arivo subito va, che poi devo uscire che stasera ci ho da fa’.

• • •

Nadia Terranova, messinese, vive a Roma nel quartiere Pigneto. Scrive racconti, romanzi, libri per ragazzi e testi teatrali. Collabora alla rubrica di cinema di SettePerUno. Il suo prossimo libro è Bruno il bambino che imparò a volare, Orecchio Acerbo (2012).

  •  
  •  
  •  
SEGUI TROPICO VIA RSS O NEWSLETTER

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *