Commoon | sostenere soluzioni in creative commons

common.it-logo_nhttp://www.commoon.it/

Commoon si distingue dalle consuete piattaforme di crowdfunding adottando una concezione diversa. Non è un progetto che va alla piattaforma, bensì la piattaforma che conduce a un progetto. Per chiarirci questo diverso approccio abbiamo domandato ai fondatori di illustrarcene nel dettaglio il funzionamento e le intenzioni:

«Commoon è una piattaforma di progettazione che raccoglie donazioni per lo sviluppo di progetti. Chi ci contatta non ha un progetto da realizzare, bensì un problema da risolvere grazie a un progetto ancora da realizzare. Facciamo un esempio: in Commoon non sarebbe possibile raccogliere fondi per un produttore di vasi che abbia progettato un vaso in tessile per l’orticoltura e che debba realizzare il prototipo o la produzione; noi accogliamo una richiesta per raccogliere fondi per mettere a punto il progetto di un vaso in tessile per l’orticoltura, richiesto da una cooperativa che non sia in grado di ideare il progetto ma sia poi in grado di produrre il vaso. Con Commoon portiamo le competenze di professionisti di ogni settore al servizio del non profit, che non ha il capitale per l’innovazione.
Le donazioni verranno utilizzate per pagare il lavoro e ciò che servirà per realizzare il progetto. Questo significa che nella maggior parte dei casi le donazioni non vanno al richiedente, ma a chi lavorerà per mettere a punto il progetto. Al richiedente invece andrà il risultato del lavoro. E a chi ha donato, se vuole, la possibilità di replicarlo».

Il sito è attualmente in fase beta, ma alcuni progetti sono già stati elaborati e sono nella fase di raccolta fondi. Per chi volesse fare parte del gruppo di esperti che collaborano con Commoon per l’elaborazione dei progetti, la piattaforma è aperta a nuove candidature.

Di seguito le specifiche che ci sembrano più rilevanti per chi sia interessato a finanziare un proprio progetto, ma anche per chi cerchi progetti interessanti ai quali dare il proprio sostegno di natura economica oppure aiutandolo a promuoversi e farsi conoscere.

In attività da: 19 giugno 2013.

Fondatore: L’ideazione e la direzione sono di Guido Lanci e Matteo Carbonoli di Rikrea, società di design sostenibile.

Presenza sui social network: Twitter, Linkedin, Facebook, attraverso gli account Rikrea.

Modello di business: ll target di Commoon è il terzo settore, il non profit, sono i cittadini organizzati e i ricercatori indipendenti. Chi è senza capitale può richiedere lo sviluppo di un progetto; più precisamente può richiedere la soluzione di un problema e la realizzazione della soluzione attraverso sistemi o prodotti sostenibili. Attraverso il crowdsourcing, Commoon coinvolge supporter consapevoli dei progetti proposti, per raccogliere le donazioni e raggiungere il budget richiesto. Quando il budget è completo, il team di Commoon sviluppa il progetto e lo realizza nella forma richiesta, ad esempio un prototipo da consegnare al committente. Appena il progetto è terminato e approvato da chi lo ha richiesto, viene pubblicato sul sito con licenza Creative Commons (del tipo CC BY-SA 3.0 IT) così chiunque possa avere la stessa necessità può utilizzare la soluzione libera da brevetti.

Tipi campagna attivabili: Le richieste devono riguardare problemi risolvibili con l’ingegno, con un progetto, in generale con la realizzazione di una soluzione (prodotto, prototipo, modello o istruzioni tecniche che permettano di realizzarlo) attraverso il lavoro del team. Abbiamo individuato questi ambiti di rilevanza sociale: Acqua, Agricoltura e cibo, Ambiente, Soluzioni per il lavoro, Istruzione, Ausili e attrezzature per la salute, Trasporto, Rifiuti e materiali recuperabili, Energia. Sono ben accette le richieste di soluzioni che sostengano l’emancipazione umana, che proteggano l’ambiente, che migliorino le condizioni di lavoro e di vita. Escludiamo le richieste di armi, quelle finalizzate alla produzione di reddito da parte di Imprese profit internazionali, quelle volte a limitare la biodiversità o che danneggino implicitamente ed esplicitamente il riequilibrio ambientale, quelle che ostacolino implicitamente ed esplicitamente l’emancipazione umana (donne, bambini, minoranze).

La campagna deve essere approvata dalla piattaforma? Sì, per arrivare a pubblicare una richiesta l’iter è semplice: verifichiamo che vi siano i requisiti, stabiliamo insieme al richiedente la fattibilità della richiesta, il budget e il tempo di raccolta.

Chi può lanciare una campagna? Singole persone, gruppi sociali, gruppi di cittadini, cooperative sociali, gruppi di garanzia del microcredito (i cinque), in generale il terzo settore e il non profit.

Chi può fare donazioni? Chiunque; il donatore può donare quote da 10 € a uno o più progetti, ma può anche acquistare dei coupon con un credito da distribuire nell’arco di un anno ai progetti.

Limite di budget: Budget dimensionalmente significativi (oltre i 30.000 €) vengono suddivisi in fasi di raccolta budget e fasi di sviluppo di progetto, al fine di permetterne l’avanzamento e consentire il controllo da parte della rete.

Si possono ricevere donazioni oltre il budget stabilito? Sì, ma solo fino al limite massimo indicato in ogni scheda di progetto.

La campagna ha limiti di durata? Sì, viene concordata con il richiedente.

Si può annullare una campagna già lanciata? Non se già sono state fatte donazioni.

Si può riproporre una campagna non andata a buon fine? Sì se vi sono delle ragioni valide. Non si potrà riproporre lo stesso progetto alle stesse condizioni, ma si potrà riformulare il brief, ovvero si potrà ripensare l’obiettivo, il dettaglio del progetto e il tipo di soluzione da realizzare. Se non è andata a buon fine potrebbe esserci stato un problema di comunicazione nella rete del richiedente o un errore di focalizzazione degli obiettivi, cose a cui si potrebbe rimediare in realtà soprattutto durante la campagna.

Metodo di pagamento: Carta di credito attraverso Paypal o bonifico bancario. È possibile richiedere una ricevuta per la detrazione fiscale delle donazioni.

Garanzia di essere pagati dai donatori: I donatori versano le quote e solo quando il budget viene raggiunto l’importo viene svincolato e utilizzato per pagare il lavoro e quanto necessario per la realizzazione della soluzione. Il richiedente riceverà la soluzione realizzata. La garanzia sull’uso delle donazioni è affidata alla Cooperativa Sociale Onlus il Grande Carro e il dettaglio di impiego del budget verrà pubblicato assieme ai risultati.

A chi si versano le donazioni: Alla Cooperativa Sociale Onlus il Grande Carro.

Dati personali dei donatori: La piattaforma non ha bisogno di altri dati che dell’indirizzo mail del donatore, e di un nome, solo in caso di richiesta di ricevuta per detrazione fiscale avrà i dati anagrafici che comunque non verranno pubblicati. Eventuali dati sensibili del donatore richiesti da PayPal saranno esterni e non visibili dalla piattaforma.

COSTI A CARICO DEL PROMOTORE

  • Costo di lancio della campagna: Nessuno. Chiunque può inviare un progetto e avrà una valutazione di fattibilità gratuita.
  • Commissione richiesta dalla piattaforma al promotore: A differenza dei siti di crowdfunding, Commoon raccoglie le donazioni in un conto Paypal gestito e intestato alla Cooperativa Onlus il Grande Carro, che svolge il lavoro amministrativo e sostiene tutte le spese di Paypal. La Onlus produce così lavoro per gli utenti soci sia in ambito informatico che gestionale. Il 7% delle donazioni è trattenuta  come costo di gestione del sistema, che consiste nella valutazione delle richieste, nella indagine sulla fattibilità di ognuna, nella redazione dei brief da pubblicare, nella compilazione dei budget per ciascun progetto che vada in finanziamento e nella gestione amministrativa delle donazioni. Questa commissione non rappresenta un costo a carico del promotore e viene preventivata nel budget da raccogliere e pubblicata nella scheda di ogni progetto alla voce “previsione uso del budget”.
  • Altre commissioni a carico del promotore: anche i costi del sistema di pagamento PayPal, a differenza dei siti di crowdfunding, non verranno sostenuti dal richiedente, ma da Commoon e consistono in una percentuale (minore allo standard perché riservata alle ONLUS) pari al 1,8% dell’importo donato + 0,35€ a transazione.
  • Costi se la campagna non va a buon fine: Nessuno.

COSTI A CARICO DEL DONATORE

  • Quando la somma donata viene effettivamente prelevata? All’atto della donazione, che non è un’intenzione di pagamento, ma una reale transazione economica tra il donatore e la Cooperativa Sociale Onlus il Grande Carro. Le donazioni restano vincolate fino al raggiungimento del budget e se questo è raggiunto vengono svincolate dalla Cooperativa Sociale Onlus e utilizzate direttamente per coprire i costi delle fasi di progetto in budget.
  • Commissioni a carico del donatore: Nessuna, vale quanto già detto per i promotori, e comunque all’importo della quota donata non verrà aggiunta nessuna ulteriore spesa.
  • Costi se la campagna non va a buon fine: Nessuno. Se un progetto non dovesse raggiungere il budget entro il tempo stabilito la cifra raccolta verrà destinata ad altri progetti, secondo criteri di analogia e scadenza. Al donatore è suggerito di tornare sul sito alla data di scadenza del progetto per verificare l’effettivo buon fine della raccolta. Nel caso in cui non venisse raggiunto il budget il donatore potrà comunicare a Commoon entro 10 giorni tramite mail su quale progetto indirizzare la propria quota donata. Qualora non pervenissero indicazioni il budget verrà assegnato al progetto più vicino alla scadenza.

Video di presentazione:

  •  
  •  
  •  
SEGUI TROPICO VIA RSS O NEWSLETTER

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *